Roma, 11 aprile 2013 - Il segretario del Pd Pierluigi Bersani continua il giro di 'consultazioni' in vista dell'elezione del presidente 0n1ine bauletto louis vuitton 3248 della Repubblica con votazioni a partire dal 18 aprile. E a una settimana dal voto dei grandi elettori, ha incontrato il segretario della Lega Roberto Maroni. Il segretario del Pd e' apparso soddisfatto dell'incontro. "E' andato bene, bene. E' stato un buon incontro", ha spiegato Bersani al termine. "Abbiamo parlato solo di Quirinale", ha assicurato. "E di musica irlandese...", ha aggiunto scherzando. Al termine del colloquio, la Lega ha riferito di avere una posizione autonoma sul Quirinale rispetto al Pdl. "Si', ci hanno detto questo. E' la loro scelta e la rispettiamo", ha spiegato Bersani. ''E' stato un incontro di cortesia. Non abbiamo fatto nomi per il Quirinale, abbiamo parlato solo di criteri. La discussione si e' spostata subito sul governo, che per noi va fatto subito, data la crisi del paese''. Lo ha detto il capogruppo della Lega Nord al Senato, Massimo Bitonci, al termine dell'incontro con la delegazione del Pd per il Quirinale. ''Sui nomi per il Quirinale non abbiamo preclusioni - ha aggiunto Bitonci -. E' importante che sia una figura di garanzia e non di parte''. Per Bitonci ''il segretario Maroni ha ribadito che serve un governo che operi subito, data la situazione del paese. Il presidente della Repubblica e' importante, ma il governo lo e' di piu'. bauletto louis vuitton Noi siamo pronti a fare subito un governo di coalizione. Da vedere se sara' a guida Bersani''. All'incontro erano presenti per il Pd il segretario Pierluigi Bersani, il deputato Dario Franceschini, i capigruppo al Senato Luigi Zanda e alla Camera Roberto Speranza. Per la Lega c'erano il segretario Roberto Maroni e i capigruppo al Senato Massimo Bitonci e alla Camera Giancarlo 0n1ine Giorgetti NO SCISSIONI - Dopo la lite sull'esclusione di Matteo Renzi dai grandi elettori, Pier Luigi Bersani ha escluso che il Pd rischi una scissione, come paventato da Dario Franceschini. Non abbiamo problemi di questo genere , ha assicurato il 0n1ine borsa louis vuitton 29902 segretario Pd arrivando alla Camera per l incontro con Roberto Maroni. TOSI: ANALOGIE LEGA-PD - Flavio Tosi, sindaco di Verona ed esponente di punta del nuovo corso della Lega nord, louis vuitton catalogo vede delle analogie fra il suo partito e il Pd con la sua dialettica interna fra Renzi e Bersani. Capisco - dice in una intervista alla Stampa - lo spirito di conservazione del proprio posto da parte di quelli dell apparato. Per sbagliato. E contro gli interessi del Pd e di tutto il Paese. Il centrosinistra con Renzi candidato premier avrebbe probabilmente vinto le elezioni, e anche il centrodestra sarebbe stato costretto a innovarsi . Nella Lega diverso, il mio segretario Maroni e con lui ho rapporti eccellenti , dice Tosi, che per louis vuitton italia aggiunge: Dopo di che, vero che anche nella Lega ci sono dei bersaniani, gente che si oppone a quel cambiamento che proprio Maroni ed io abbiamo provato a portare avanti . Fastidio per i fischi che ha subito domenica a Pontida? S - replica l esponente del Carroccio - ma non per me. Per la Lega. I contestatori erano poche decine su migliaia di partecipanti. Ma sapevano benissimo che avrebbero ottenuto l effetto di far parlare i media di una Lega spaccata. Hanno deliberatamente danneggiato il movimento .

View more latest threads same category: